Linea 155, uno strumento per fermare l'abuso

línea 155, una herramienta para frenar el maltrato Foto: riga 155

Il 25 novembre 2013 è stata attivata la riga 155 dell'attenzione alle donne vittime di violenze di genere. Ma è ora che la sua esistenza viene resa nota. Parliamo con uno degli ufficiali che rispondono alle chiamate.


L'Alto Consiglio per l'uguaglianza delle donne, in collaborazione con la polizia nazionale, lanciato il 25 novembre Linea 155. È una linea telefonica nazionale, gratuita, riservata e operativa 24 ore al giorno, 365 giorni all'anno, che si rivolge a donne maltrattate e vittime di violenza di genere. Per accedervi è sufficiente digitare il numero di telefono o Numeri cellulari 155-. Tuttavia, è ora, quasi un anno dopo, quando il governo ha scelto di renderlo noto attraverso gli spot trasmessi da alcuni canali televisivi nazionali. Prima della campagna pubblicitaria, la linea 155 riceveva tra le 300 e le 400 chiamate al giorno, come riportato da uno degli agenti di polizia che servono le donne che chiamano, e chi ha preferito non dare il suo nome. " Ora arriviamo fino a 800. Di questi, approssimativamente, tra 90 e 100 sono le vere richieste di aiuto, per lo più fatte da donne; gli uomini che chiamano cercano anche indicazioni su come comportarsi di fronte alla violenza fisica e psicologica subita dai loro partner, il resto sono persone che scherzano, impiccano o sbagliano digitando il numero ". Dietro la chiamata, 40 consiglieri, tutti ufficiali di polizia e alcuni con carriere aggiuntive in giurisprudenza, psicologia o amministrazione aziendale, che offrono consulenza e supporto psicosociale e legale per porre fine alla situazione di vulnerabilità che vivono queste donne. "Quando riceviamo una chiamata, informiamo le vittime di violenze su i tuoi diritti e da quali entità puoi andare a proteggerti, e cosa fare quando arrivi. Li autorizziamo a prenderci cura di loro correttamente e non a stuzzicarli; in modo che non si impiglino nelle procedure ", dice il funzionario. Hanno anche una linea diretta con i dipartimenti di polizia nazionali nel caso in cui il chiamante riferisca che sono vittime della violenza di genere. "In modo che le autorità della zona considerino l'invio di una pattuglia di riconoscimento nel luogo da cui chiama". Secondo l'informatore, la maggior parte delle chiamate corrisponde alla violenza intrafamiliare. " Aggressione fisica da parte della coppia, ma anche molta violenza psicologica ", dice. La situazione di violenza che le donne vivono in Colombia è ancora in sospeso. Secondo i dati raccolti nell'ultimo rapporto Forensis di Medicina legale, l'anno scorso sono stati segnalati 44.763 casi di violenza intrafamiliare. Di questi, l'87,21% è stato perpetrato contro le donne, il che significa un totale di > 39.020 donne aggredite dal loro partner o ex-partner nel 2013. Puoi leggere "Violenza contro le donne, epidemia globale"
Powered by Blogger.